venerdì 11 luglio 2014

Le guide al cibo di strada

Nel libro Cibo di strada (Mondadori, 2013), il giornalista di Repubblica
Luca laccarino individua per ogni regione i prodotti tipici, li descrive e li commenta con giudizio personale. Dopo avere definito, regione per regione, le specialità tipiche, l’autore seleziona i locali e gli ambulanti più caratteristici con proposte di cibo di strada, consigliando in ognuno quale prodotto acquistare. I cibi di strada hanno una storia da raccontare: una storia di persone, non di tempi-procedure-metodi. Parlando di farinata, focacce e piadine, Stanislao Porzio nel suo ultimo libro Cibi di strada. Italia del Nord, Toscana,Umbria, Marche (Guido Tommasi, 2008) racconta anche le persone incontrate ed i luoghi visitati. Perché, secondo l’autore, alla fine il cibo è meno saporito se viene separato da chi lo prepara e dalle sue radici. Street food heroes. Guida al miglior cibo di strada italiano (ed. Gribaudo- Feltrinelli, 2013) di Mauro Rosati - punto di riferimento internazionale nel settore dell’agroalim centare di qualità - propone invece una guida completa di 136 schede di prodotto e oltre 200 di segnalazione di attivitàhe rappresentano la migliore selezione dei locali street food italiani. Fra i Top 25 street chef italiani il libro inserisce i marchigiani Moreno Cedroni e Mauro Uliassi, ideatori dei rispettivi progetti di street food Anikò e Uliassi Street Good. Ottimi spunti anche sul cibo di strada si trovano in Marche di Gusto, pagina ufficiale Facebook della Regione Marche dedicata all’enogastronomia
(facebook.com/marchedigusto). Con oltre 2.500 mi piace e in media 600 persone che ne parlano giornalmente, ospita post e commenti sui principali
appuntamenti e ricette tipiche della regione, con curiosità e cenni storici non sempre noti al grande pubblico.

Pesche cipolle e visciole e formaggi

Pesca Saturnia delle Marche


Originaria della Valle del Chienti e dell’Ete, in particolare nelle zone collinari di Montecosaro (Mc), la pesca Saturnia (marchio registrato dall’azienda agricola Eleuteri) identifica cinque varietà di pesca della famiglia platicarpa,raccolte dalla fine di maggio a tutto agosto. Di forma piatta e polpa bianca, ha ottimo sapore ed uno spiccato connotato aromatico, con sentore di rosa

Pesca Saturnia delle Marche


Cipolla di Sausa

Prodotto tipico dell’area di Castelleone di Suasa (An), ha tuniche rosacee e di sapore dolce, con il bulbo piccolo, dorato, leggermente allungato oppure di grandi dimensioni, compatto, con foglie esterne di colore rosso-dorato.Ogni anno l’associazione turistica ProSuasa organizza la Festa dellacipolla, dove si gustano le classiche cipolle fritte o in agrodolce, marmellata e liquore alla cipolla.


Casec del Moltefertro


Tipico di San Leo e di tutta l’area del Montefeltro, è un formaggio prodotto nel periodo autunnale ed invernale, ottenuto dalla lavorazione di latte vaccino, ovino o misto. Le forme vengono poste per 8 giorni sopra foglie di noce e poi conservate fino a un anno in orci di terracotta. Il sapore è deciso e pastoso, con gradevoli note aromatiche.


Visciola di Cantiano

 Ciliegia selvatica impiegata nelle preparazioni artigianali di tradizione >casalinga, la visciola di Cantiano è ottima per preparare marmellate, frutta sciroppata e visciolato. Intorno a Cantiano, lungo la via Flaminia, il visciolo cresce spontaneo e già dai primi anni del ‘900 due imprenditori misero in produzione l’Amarena di Cantiano, composta di visciole conservate in sciroppo zuccherino. Iscritta nell’elenco ufficiale dei prodotti agroalimentari tradizionali della Regione Marche, la visciola ha elevate proprietà antinfiammatorie. Dal 1999 viene coltivata in un campo sperimentale per stimolare l’apertura di una piccola attività di settore.


Ricetta: li cucciulitti in umido
 In dialetto i cucciulitti sono le lumachine di mare, conosciute anche come nasse. Abbondano particolarmente nel Medio ed Alto Adriatico, di cui popolano i fondali sabbiosi, poco profondi. Cucinate in umido fanno parte della tradizione marchigiana. Apparentemente lunga, la loro preparazione risulta molto semplice. Ottime come antipasto caldo, si prestano anche ad essere utilizzate come sugo per condire della buona pasta, come ad esempio i Maccheroncini di Campofilone, o come cibo di strada. Da provare quelle preparate dal Chiosco da Morena in centro ad Ancona, presso la fontana delle 13 cannelle. Preparazione: lavate bene le lumachine, in modo che perdano tutte le impurità, quindi mettetele in una pentola dai bordi alti e copritele di acqua fredda già salata. Lasciatele riposare per due ore. Una volta scolate, cuocetele in acqua per almeno un’ora, mescolando di tanto in tanto. Poi scolatele e sciacquatele ancora sotto l’acqua corrente. In un’altra pentola soffriggete aglio e cipolla, aggiungete abbondante finocchietto selvatico, versate le lumachine e sfumate con il vino bianco. Aggiungete la passata, aggiustate di sale e lasciate cuocere a fuoco lento >fino a che il sugo non si sarà ben ristretto. A fine cottura aggiungete il peperoncino. Da servire calde con pane anche tostato.






Foto Li cucciulitti in umido

Sapori di riviera

Alla vigilia della stagione estiva 2014, la nostra redazione ha incontrato Nazareno Franchellucci, sindaco di Porto Sant’Elpidio, ridente località rivierasca della costa marchigiana, cui abbiamo rivolto qualche domanda.


Nazareno Franchelucci, sindaco di   Porto Sant'Elpidio

D. Qual è secondo lei il ruolo e quindi l’importanza dell’offerta gastronomica nel turismo della riviera?

 R. Tra le eccellenze italiane, non possiamo non annoverare l’enogastronomia e la dieta mediterranea, che sicuramente rappresentano una grande attrattiva per il turista; basti pensare alle numerose manifestazioni quali sagre paesane, festival del gusto e quant’altro sia in grado di celebrare l’eccellenza del nostro territorio nel settore. Il valore dell’enogastronomia pesa a mio avviso trasversalmente nelle motivazioni, valutazioni e soddisfazioni del turista che viene a visitare le nostre zone, oltre ad assumere sempre più il ruolo di carattere attrattivo a sé stante. Inoltre, il viaggio enogastronomico può continuare anche una volta rientrati nel luogo di residenza attraverso l’acquisto di prodotti tipici del territorio, la loro preparazione e la ricerca di ristoranti che ripropongano quei piatti sperimentati in vacanza. Un meccanismo, questo, che può generare un’economia sensibilmente più ampia rispetto al mero fatto turistico: vendita di prodotti, corsi o pubblicazioni per apprendere la loro preparazione e via di questo passo. Una reason why in grado di attirare il turista o di alimentare il commercio con un passaparola fatto di sapori, fragranze, piaceri ed emozioni.

 D. Quali sono gli appuntamenti più attesi per l’estate 2014?

R. Per quanto riguarda la città di Porto Sant’Elpidio, mi preme ricordare la Sagra dello scottadito, che si terrà la prima settimana di agosto, la Sagra del maialino alla brace che si è tenuta come ogni anno il 1° maggio e la Festa della Birra, organizzata verso la metà di luglio da un birrificio locale, con sede proprio a Sant’Elpidio. Oltre a ciò, altre due sono le manifestazioni che celebrano le eccellenze enogastronomiche locali: la Sagra dello stoccafisso durante la festa patronale di San Crispino, e l’iniziativa Falerio DOC nel mese di luglio

 D. Quali sinergie sono previste con enti e altre istituzioni del territorio per promuovere l’offerta turistica locale?

 R. La collaborazione tra enti ed istituzioni è indispensabile per creare sinergia e proporre un’offerta turistica a 360°, che abbracci l’intero territorio marchigiano. Nello specifico, vorrei citare l’iniziativa delle Passeggiate Marchigiane, che permette ai turisti di scoprire non soltanto le bellezze della città di Porto Sant’Elpidio ma anche dei comuni limitrofi. Con altre amministrazioni comunali ci stiamo inoltre organizzando per garantire il trasporto ed il collegamento tra le varie città confinanti con la nostra, affinché il turista possa avere l’opportunità di usufruire di un servizio che gli consenta di raggiungere altri luoghi attrattivi dislocati sul territorio. A proposito di sinergia, mi preme poi ricordare la neonata associazione Riviere in Blu, costituitasi proprio pochi giorni fa fra i Comuni marchigiani insigniti
dell’importante riconoscimento della Bandiera Blu, con l’obiettivo non solo dell’organizzazione dell’evento Marche in Blu ma anche di garantire la cooperazione in ottica turistico-promozionale.






Ogni anno ad agosto a Porto San'Elpidio la Sagra de lu scottaditu. Oltre al sardoncini alla brace, i menù  propongono varietà di primi e fritto e pesce



Tipicità, lo spettacolo del gusto

 Lo scorso marzo si è svolta a Fermo la 22° edizione del Festival made in
Marche




Fote immagine @Tipicita

Tipicità, il made in Marche Festival. Una rassegna che il prossimo anno conoscerà una vetrina mondiale: sarà infatti una delle due finestre aperte sulle Marche per l’Expo di Milano. Ma torniamo all’edizione 2014 che ha ottenuto numerosi primati. Dai visitatori agli espositori, dalla presenza di giornalisti specializzati italiani e stranieri ai numerosi convegni che hanno interessato esperti, associazioni di categoria ed operatori dell’agroalimentare, dell’enogastronomia, dell’artigianato artistico, dell’agricoltura e del turismo. Diverse le sezioni tematiche a partire da Tipicità Marche Expo, MarcheturEXPerience, mercatini dei prodotti tipici del Fermano e non solo, saloni tematici, il tutto per una regione ed un territorio, il Fermano, da assaporare, sorseggiare, indossare, vivere. Ed ancora: nel piatto degli altri, stoccafisso senza frontiere, il premio “mete di Tipicità”, il premio “Autori di Marca”, l’angolo della crescia, pane&pani, approfondimenti ed appuntamenti B2B, workshop, iniziative specifiche per il mondo dei media. Una serie di iniziative e appuntamenti che sono alla base delle grandi novità delle ultime edizioni, per far comprendere ai visitatori che cosa è l’esperienza Marche: un concentrato dei suoi protagonisti assoluti, come i prodotti tipici, le strade del vino e gli itinerari del gusto, ai quali si sono poi affiancate le Marche d’eccellenza, del fashion, dell’artigianato, dell’arte e della cultura. In altre parole l’evoluzione del salone del turismo enogastronomico che per Tipicità rappresenta il frutto di un processo lungo oltre venti anni. Un’esperienza da vivere in un weekend, lasciandosi guidare dal sesto senso per apprezzare ogni tipicità in tutto il suo splendore. «Nonostante il momento non certo facile – ha afferma Angelo Serri, direttore di Tipicità - un vero e proprio “tsunami” di 15mila visitatori ha stampato un ottimistico sorriso sul volto degli oltre 180 espositori e delle 350 realtà che, a vario titolo, hanno usufruito di questa vetrina per parlare di bello, buono e sostenibile”. Una sorta di prova generale per l’Expo. Serri ha precisato: “Non a caso si svolgono nelle Marche, al centro dell’Italia migliore che accoglie il mondo e del Made in Italy che è contenitore di valori e di alta qualità della vita. Perché proprio nelle Marche? Perché questa è la regione più longeva d’Europa e lo è probabilmente anche per i saperi ed i sapori che ne contraddistinguono l’identità”
Articolo di Massimo  Nucci
  


Fote immagine: @Tipicita

Lifestyle d’esportazione

 
 Fonte immagine Massimo Possanzini Rossini


Marche Endurance Lifestyle 2014: una gara equestre singolare ed emozionante,un volano per il comparto agroalimentare marchigiano Dal 12 al 15 giugno la Riviera del Conero, ed altre località della regione,hanno fatto da cornice all’edizione 2014 del Marche Endurance Lifestyle.Sport, business, turismo e relazioni internazionali sono gli ambiti all’interno dei quali questa terza edizione ha portato ad un ulteriore step evolutivo i rapporti tra una regione estremamente dinamica come le Marche e un’area, quella emiratina, che si sta affermando come una sorta di hub dalle enormi potenzialità. Affascinante l’evento sportivo, che deve il nome alla disciplina dell’endurance equestre, la spettacolare corsa sulle lunghe distanze conosciuta anche come “sport degli sceicchi”. Quattro gare sportive della Conero En- durance Cup: due sui 120 km, di cui una riservata agli young riders; una sui 90 ed una sui 160, la “Road to the Weg”, valida come qualificazione per i migliori cavalieri del mondo ai World Equestrian Games di fine estate in Normandia. Le gare, svoltesi tutte lungo il Parco Nazionale del Conero, sono state seguite dal pubblico delle grandi occasioni e hanno visto la vittoria del principe alla corona di Dubai Sheikh Hamdan bin Rashid al Maktoum nella gara dei 120 km, premiato dal presidente della Regione Gian Mario Spacca. Ma assolutamente interessante la ricaduta sull’interscambio culturale e commerciale di questo evento. Nel triennio 2011-2013 l’export marchigiano verso gli Emirati Arabi Uniti (EAU) è cresciuto di un valore superiore al 55%, come attestano le rilevazioni statistiche elaborate dalla Camera di Commercio Italiana negli EAU e dal Sistema Statistico della Regione Marche. La crescita risulta essere l’effetto amplificato di un evento sportivo in grado di generare una ricaduta economica significativa per la regione ospitante. Nello specifico il settore agroalimentare è una sorta di cartina di tornasole per valutare le effettive ricadute economiche generate dall’evento:nel 2010, ultimo dato prima dell’Endurance, le Marche esportavano verso gli EAU 3,087 milioni di prodotti agroalimentari; nel 2012, dopo solo due edizioni dell’Endurance, il valore si è attestato a 36,429 milioni, pari ad un incremento del 1.200%. Da questo punto di vista, Marche Endurance Lifestyle può dirsi una scommessa vinta, un vero ponte fra paesi e culture diverse, costruito su un evento sportivo che sa parlare di opportunità, strategie e prospettive.


In particolare, gli appuntamenti volti alla creazione di concrete opportunità di crescita commerciale, collaborazione e sviluppo sono stati due: il Business Forum Italy-EAU “UAE Days nelle Marche”, il cui evento di punta “Our vision, our future: from Milano Expo 2015 to Dubai Expo 2020”, tenutosi il 14 giugno alla Rotonda di Senigallia con oltre 400 partecipanti, ha registrato la presenza oltre che del Presidente della regione Marche Spacca anche del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, del Commissario Unico e del Presidente di Expo Milano 2015, e del Ministro dell’Economia degli Emirati Arabi Uniti. E gli incontri B2B, il cui programma ha coinvolto 85 aziende marchigiane e 15 imprese emiratine selezionate in partnership con Khalifa Fund, fondo sovrano di Abu Dhabi. I comparti di riferimento sono stati quelli dell’agroalimentare e del florovivaismo, secondo un format collaudato che ha conosciuto due momenti precisi: l’11 e il 12 giugno a Civitanova Marche si sono svolti incontri con l’obiettivo di promuovere la creazione di nuove relazioni commerciali fra le aziende dei due paesi; il 13 giugno è stata la volta delle visite ai distretti industriali marchigiani da parte delle aziende emiratine. Altri eventi collaterali sono stati il convegno “Voci di donne arabe” presso l’Auditorium iGuzzini di Recanati, e la serata di Gala dell’Endurance svoltasi presso Palazzo Carradori a Montefano, cui ha preso parte, oltre alle autorità sia emiratine che marchigiane, anche ilgotha del mondo economico ed imprenditoriale della regione.






Fonte immagine :Marche Endurance Lifestyle

giovedì 10 luglio 2014

Qualità garantita dalle Marche

Con il marchio QM sicurezza e qualità alimentare sono garantite e certificate




QM: il marchio della Regione Marche che garantisce qualità, tracciabilità, informazione, no OGM, perchè la qualità del cibo è la qualità della vita. Non è uno slogan, ma la certificazione garantita di gustare prodotti di altissima qualità, prodotti che, per ottenere il marchio QM, sono stati ampiamente testati da esperti ed hanno dovuto rispettare rigidi disciplinari. Tanto che il Si.Tra., il sistema di tracciabilità e archiviazione creato da Regione Marche e Assam per certificare i prodotti a marchio QM – Qualità garantita dalla Regione Marche, è diventato il modello di riferimento nel progetto europeo WellFood e condiviso come ‘best practice’. Il marchio QM si sta facendo conoscere in Italia e nel mondo, grazie all’impegno della Regione Marche che attraverso i propri stand promuove i prodotti a marchio QM. Come a Tipicità, dove grazie al marchio QM si è discusso del nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2014 -2020, con una variegata esposizione dei prodotti certificati QM in un ampio spazio in cui sono stati presentati anche i migliori vini, grazie alla partecipazione dell’Istituto Marchigiano Tutela Vini e Consorzio Vini Piceni; oppure a Eataly, dove lo spazio Marche è stato inaugurato nell’area congressi molto affollata, alla presenza del presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, dell’assessore regionale all’Agricoltura Maura Malaspina, dell’amministratore unico di Assam Gianluca Carrabs, del responsabile Eataly Roma Alberto Mosca, del dirigente dell’ufficio promozione del Ministero Politiche agricole Marco Sciarrini, di produttori marchigiani. Tra i prodotti che già possono fregiarsi del marchio QM, il latte di alta qualità, le carni bovine, cereali e pasta, cereali e pane, la pasta all’uovo l’ortofrutta, l’olio extravergine di oliva, i legumi e gli ortaggi surgelati. Ma attenzione, diffidate dalle possibili imitazioni: tutte le eccellenze appena citate hanno ben “scolpito” nella confezione il marchio QM - Qualità garantita delle Marche. www.qm.marche.it


La pasta all'uovo Marcozzi di Campofilone riporta il marchio Qm- Qualità garantita dalle Marche da novembre 2009

Street food Marche

Un percorso itinerante per conoscere le migliori proposte marchigiane di
cibo di strada.


Anche se una città offre sempre monumenti importanti o attrattive turistiche,il suo vero biglietto da visita è la sua storia culinaria: nessuno può sostenere
di aver conosciuto un popolo o una cultura senza avere assaggiato una prelibatezza, ancor più se prelibatezza della tradizione o del mangiaredi strada. Se poi tutto questo accade d’estate, si crea un connubio unico
tra cibo e divertimento. Il nostro itinerario turistico attraverso i luoghi dello street food marchigiano parte da Ascoli Piceno, dove assaggiare le regine indiscusse dello street food della regione, le olive ascolane. Piatto tipico di tutta la provincia di Ascoli, sono preparate con olive di varietà Tenera Ascolana DOP farcite i carne, panate e fritte; solitamente vengono servite come antipasto
insieme ad altri prodotti fritti, come i rustici, le verdurine, la crema fritta. Il cartoccio più buono è quello di Migliori in Piazza Arringo.



 I calcioni al formaggio, specialità della pasticceria Gallucci di Fermo


Da Ascoli Piceno ci spostiamo ad Offida, cittadina di produzione dei caratteristici
caciuni, dolci a base di pasta di pane ripieni di pecorino, tuorlo d’uovo, zucchero e scorza di limone grattugiata; o pistringo, quando sono ripieni di fichi secchi, mandorle ed uva passa. Nel maceratese prendono il nome di piconi, mentre diventano calcioni nella zona del fermano.
I caciunitti, invece, sono caciuni più piccoli che al posto del formaggio hanno come ripieno una purea di ceci, e che invece di essere cotti al forno vengono fritti.
Spostandoci dall’interno versola costa, troviamo tre importanti località tutte famose, oltre che per le loro bellissime spiagge, anche per i cartocci di pesce fritto: Lido di Fermo, Porto San Giorgio e San Benedetto del Tronto. In particolare, valgono una tappa e un assaggio le fritture di strada e da asporto di Nudo e Crudo e Olio Pesce Fritto, entrambi a San Benedetto.A Porto San Giorgio ha luogo da 44 anni, nella terza settimana di luglio, la Padellata gigante dell’Adriatico, una festa che ha come protagonista il mare: 10 quintali di calamaretti e sarde fritti nella Padella Gigante; con 8
metri di manico, 6 metri di diametro e 1000 litri di olio per friggere, richiede. l’intervento di ben 35 persone per il suo funzionamento. Un cibo di strada che unisce le tradizioni marinare di tutta la costa marchigiana
è certamente il sardoncino scottadito, da mangiare rigorosamente
bollenti e con le mani, accompagnati da vino bianco frizzante fresco e volendo anche dalla conditella, un mix di insalata e pomodori fresco e leggero. I sardoncini scottadito si mangiano solitamente d’estate, in quanto
cotti alla griglia.





Sardoncini seppie e calamari fritti nel cartoccio di pesce di riviera



 Il nostro itinerario prosegue verso quella parte di territorio marchigiano più vicina alla Romagna, dove l’influenza della piada romagnola ha dato vita ad una prelibatezza unica, la crescia sfogliata di Urbino, declinata poi in tanti nomi locali mano a mano che ci si sposta da un borgo all’altro: crescia, crescia unta, crostolo, pizza del Montefeltro, così come sono tante le varianti territoriali che la rendono unica, completamente diversa dalla piadina romagnola. La crescia sfogliata ha la tipica forma della piada, un disco rotondo di pochi millimetri di spessore dal colore dorato ma rispetto a questa è arricchita con uova latte e strutto. L’impasto lavorato a mano energicamente, viene tirato e unto con lo strutto, arrotolato su se stesso e tagliato a pezzi. A questo punto i singoli pezzi tagliati vengono spianati con il mattarello, e solo questa lavorazione permette alla crescia di prendere la forma a strati sovrapposti che la rende appunto sfogliata. Forni e negozi di gastronomia li propongono precotti o da cuocere (sul testo di pietra
refrattaria o su lastre di ferro con il fuoco sotto), mentre i piccoli chioschi li servono farciti con salumi e formaggi della tradizione, con erbe cotte, patate o verdure alla griglia, all’insegna di una sana ed alternativa merenda. Da provare la crescia del Merendero, lungo il litorale di Marotta. Il tour turistico-gastronomico di questo numero si conclude con un cibo di strada trasversale a tutta la regione, il panino con porchetta, qui proposto nella versione con pane di Chiaserna farcito con porchetta marchigiana. Apprezzato per le sue particolari caratteristiche organolettiche e privo di additivi, il pane di Chiaserna viene prodotto nel comune di Cantiano (PU) con la tecnica di fermentazione acido-lattica, che gli conferisce la particolare digeribilità ed un sapore unico, leggermente acidulo, sapido ed appetibile. C’è chi fa risalire la nascita della porchetta agli Etruschi. Altre fonti attestano che i Romani conoscevano un processo simile a quello oggi applicato per la produzione della porchetta. Fatto sta che da secoli questo  piatto è un vanto e una tradizione di tutto il centro Italia: nel Lazio e in Toscana dove viene prodotta usando prevalentemente rosmarino; in Umbria, in Abruzzo, nelle Marche, in Emilia-Romagna ed in Molise, dove invece i porchettari, questo è il termine esatto per indicare chi per professione produce porchetta, usano preferibilmente il finocchietto selvatico. La porchetta si presenta come un maialino intero disossato, salato e farcito della sua stessa carne aromatizzata con aglio, sale, pepe, finocchetto selvatico e/o rosmarino; legato, cucito a mano ed arrostito in forno o allo spiedo con tutta la pelle per circa 5 ore. Molti i chioschi, i venditori ambulanti e le sagre dedicate a questo piatto in tutto il centro Italia, con tradizioni che affondano le loro radici intorno ai primi anni 50 del secolo scorso.



Ristorante Ragno D'oro: nella preparazione della crescia  lo viene spalmato  sulla sfoglia che poi viene arrotolata Fonte immagine: @kekkez








mercoledì 9 luglio 2014

Frontiera street food

Veloce, informale e sociale, il cibo di strada ha (ri)conquistato anche la nostra regione


Street Food, ovvero cibo da strada, un concentrato unico di sapori semplici, netti, antichi o quanto meno tradizionali. Ma anche innovativi e sperimentali, per reinventare cibi conosciuti e riproporli con nuovi gusti ed aromi. Li trovi dietro l’angolo e sono in grado di soddisfare pienamenteil palato senza alleggerire esageratamente il portafogli. Se sei del posto, ad ogni boccone riassapori le tue radici, altrimenti, se non fai parte della comunità, gustando cibo di strada ascolti il racconto della cultura e dellatradizione locali. Ciò che distingue veramente il mangiare di strada da quello preparato in un ristorante, fosse anche una semplice trattoria, riguarda il tempo e l’informalità, perché i cibi da strada si consumano rapidamente e spesso con le mani ma diversamente dal fast food hanno sempre una storia da raccontare. Vengono preparati e venduti da commercianti ambulanti, fissi in un luogo pubblico oppure mobili e reperibili soltanto in particolari occasioni come sagre, festival, concerti.La sua rivalutazione attuale affonda le radici nel desiderio di donare nuova vita a ricette di un tempo e a prodotti tipici locali, la cui diffusione viene sostenuta da associazioni come Slow Food, Streetfood, Lonely Planet e Gambero Rosso. L’offerta tipicamente marchigiana in tema di cibo di strada è davvero ricca, sia in termini di gusto che di tradizioni: il fritto misto all’ascolana, nel quale spicca l’oliva Ascolana del Piceno in attesa di certificazione DOP, il cartocciodi pesce fritto della Riviera delle Palme, i sardoncini scottadito tipici di tutta la costa marchigiana, la crescia sfogliata di Urbino, i gelati artigianali, gli arrosticini di carne, le spuntature e i ciarimboli (budella di vitello ocapretto cotte alla griglia e servite dentro un panino). In crescita anche sagre ed eventi dedicati al cibo da strada, sia nelle Marche che altrove in Italia. Fra gli appuntamenti marchigiani segnaliamo il Veregra Street Food – www.veregrastreet.it - che si tiene ogni anno alla fine di giugno a Montegranaro (Mc), dove si possono gustare le olive ascolane del Piceno, la tipica frittura di pesce con pesci di piccola taglia, l’hamburger di carne di razza marchigiana ed altre specialità di strada sia italiane che straniere; e Anghiò, il Festival del Pesce Azzurro, che ha luogo annualmente a luglio, con alici, sarde, sgombri, ricciole e tonni protagonisti indiscussi, per promuovere la lunga tradizione ittica delle Marche, ed inparticolar modo di San Benedetto del Tronto. A corollario, mostre a tema, convegni, incontri, degustazioni e show cooking. (www.anghiò.it). Lo street food si accompagna oggi anche a nuove occasioni di consumo e di incontro – come quella dell’aperitivo – e, come dicevamo, può essere il laboratorio di nuovi gusti e idee. Come quelle del locale Anikò di Moreno Cedroni e del progetto l’Uliassi Street Good di Mauro Uliassi, chef marchigiani pluristellati entrambi di Senigallia, riconosciuti anche fra i migliori street chef italiani. Tanto interesse intorno allo street food è confermato anche dalla nascita del primo festival europeo di food truck completamente dedicato allo street food itinerante: Streat, una festa no-stop a base di cibo di strada nostrano ed europeo che si è svolta a Milano alla fine di maggio 2014.



L'aperativo è una delle occasioni più frequenti  di consumo di street food e finger food

martedì 8 luglio 2014

Tipicità d'estete


Estate tempo di vacanze, di mare, montagna. Ma anche di visite a borghi storici e cittadine che hanno molto da raccontare sia per la loro cultura che per la loro tradizione enogastronomica. E non si può dire di conoscere veramente un luogo se non si è assaggiato il suo cibo tipico, meglio ancora se cibo da passeggio o street food, tendenza del momento che affonda le sue radici in una tradizione antica quanto il mondo, analizzata nella rubrica Novità. E allora venite a passeggiare tra vicoli e stradine marchigiani, gustando i suoi tanti mangiari di strada, come proposto nella nostra rubrica Itinerari. E se street food deve essere non si possono perdere i tanti appuntamenti e le sagre estive sparse nella regione, come il Veregra Street Food a Montegranaro o l’Anghiò, il Festival del Pesce Azzurro di San Benedetto del Tronto. Anche secondo il sindaco di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci, da noi intervistato nella rubrica dedicata, l’offerta enograstronomica rappresenta una forte attrattiva per il turista che decide di venire nelle Marche, e finisce con il pesare trasversalmente sulle motivazioni che lo portano a scegliere un luogo piuttosto che un altro. L’enogastronomia è stata al centro anche di un evento unico nel suo genere, il Marche Endurance Lifestyle 2014, raccontato nella rubrica Regione, che oltre a portare sulle nostre coste una delle gare equestri più belle al mondo, ha contribuito e continua a contribuire allo sviluppo delle esportazioni del comparto agroalimentare marchigiano. E sarà Tipicità, la manifestazione marchigiana dedicata alle specialità alimentari della regione di cui parliamo in Appuntamenti, a rappresentare le Marche a Expo Milano 2015. Completano il numero tanti altri spunti per acquisti, ricette e curiosità, come le rime di Piero Pieroni dedicate alle spuntature nella rubrica Vocabolario marchigiano o l’invito a scoprire il prodotti a marchio QM, con sicurezza e qualità alimentari certificate e garantite dalle Marche. Vi aspettiamo per una vacanza indimenticabile nelle Marche!

Le olive ascolane, tipiche marchigiane, possono essere gustate anche come ottimo cibo di strada.

lunedì 30 giugno 2014

Fettuccine all'uovo Antica Pasta con fiori di zucca e pomodorini

Ingredienti


  •   250g fettuccine all'uovo Antica Pasta 
  •   12 fiori di zucca
  •   2 zucchine piccole
  • 200 g pomodorini perini
  •   1 aglio
  • olio extra vergine d'oliva
  •   sale
  •   pepe




     
    Le fettuccine all'uovo Antica Pasta con fiori di zucca e pomodorini sono una ricetta gustosa e leggera. I fiori di zucca crescono all'estremità delle zucchine e zucche; Hanno forma allungata con petali verdi alla base e gialli all'interno. Sono diuretici e ricchi di vitamina A
    Gli ingredienti per preparare le fettuccine con i fiori di zucca e pomodorini sono fiori di zucca, zucchine, pomodorini perini

    Mondare i fiori di zucca togliendo il gambo e il pistillo e lavarli con acqua. Tagliarli a listarelle .
    Lavare le zucchine e i pomodorini privarli dei semi.
    In una padella irrorata d'olio far imbiondire l'aglio e poi far rosolare le zucchine . Dopo 5 minuti aggiungere le zucchine , cuocere per 5 minuti, aggiungere i pomodorini e cuocere per altri 5 minuti.
    Aggiungere i fiori di zucca tagliati a listarelle. Insaporire con sale e pepe e continuare la cottura per 2 minuti.
    In abbondate acqua salata cuocere le fettuccine all'uovo Antica Pasta per 2-3 minuti, scolare . Farli insaporire con il condimento e servirli caldi .









                           

venerdì 27 giugno 2014

La tavola d'ieri e di oggi

La tavola di ieri e di oggi
Per uno sguardo alle origini della cultura gastronomica delle Marchepartiamo da lontano, e precisamente dal 1584, anno della prima edizione del “Libro dello scalco” di Giovan Battista Rossetti, scalco alla corte di Lucrezia d’Este duchessa d’Urbino. Con il suo trattato, di grande importanza>anche storiografica, l’autore ha messo insieme una sorta di compendio di tutta la letteratura culinaria apparsa durante il Cinquecento, offrendo nel contempo uno spaccato della vita quotidiana dell’epoca.Sempre in tema di tradizione e origini della cultura alimentare proponiamoStoria dell’alimentazione, della cultura gastronomica e dell’arte convivialenelle Marche, prima ricostruzione storica completa della civiltà gastronomica e conviviale delle Marche a cura degli autori Ugo Bellesi, Ettore Franca e Tommaso Lucchetti. L’opera ha ottenuto numerosi riconoscimenti fra cui il premio internazionale Gourmand come miglior libro di storia della cucina.
Rimaniamo nell’ambito dei libri spostandoci però sia d’epoca che di località: nel libro “Pescatori, cuochi, contadini” gli autori Attorri, Frezzotti e Lancianese hanno raccolto le ricette raccontate dai ristoratori e dai pescatori della baia di Portonovo, in provincia di Ancona. Le ricette offrono un’ampia panoramica della cucina locale, prevalentemente a base di pesce e, naturalmente, con il mosciolo selvatico di Portonovo – presidio Slow Food
– quale protagonista principale. Ma il racconto va oltre la semplice ricetta, regalandoci anche momenti salienti della storia di Portonovo, dell’intraprendenza dei suoi fondatori e del carattere amichevole dell’ospitalità e della ristorazione della baia. Un punto di vista attuale e interessante per conoscere la presenza della gastronomia marchigiana anche fuori dal nostro paese è il topic di Mariano Pallottini, curatore di articoli online sulle Marche (www.scoop.it/t/le-marche-
and-the-food). Suo è anche l’account Twitter @MarcheBreaks con oltre 20.000 followers.








Vocabolario marchigiano:  i Frascarelli


Se coce el riso ‘nte ‘na pentola bella capiente c’un abbondante acqua e un pugnetto de sale. Quannu el riso è quasi cotto, ce se ‘ggiunge la farina (poga per volta) mesculanno co’ ‘na cucchiara de legno, finu a quannu diventa ‘na polentina. Se fa bollì e a cottura fenida i frescarelli se versane ‘nte la spianatora. Se condiscene c’un sugo che se prepara cuscì: se fa sfrige ‘nte ‘na padella l’oio, la cipolla, el gambuccio de prosciutto, ce se ‘ggiunge i pomodori rosci freschi e a pezzetti, la sarciccia sbriciolata e se fa’ bollì per 6 o 7 miunuti. Ce se sparniccia sopra el cagio grattato. Se condiscene pure co’ la sarsiccia in bianco o co’ un soffritto de pansetta e >de lonza.

giovedì 26 giugno 2014

Sapori d'inverno

Alcuni suggerimenti per scoprire e riscoprire prodotti stagionali marchigiani,
tipici ma non sempre noti al grande pubblico

Marroni di Acquasanta Terme
Tipici dei boschi di Acquasanta Terme e dintorni, nell’ascolano, questi
marroni, dal colore bruno scuro con sfumature rossastre, sono di ottima
pezzatura, facilmente sbucciabili e di buon sapore dolce. Ottimi per la preparazione
di dolci e di ripieni per ravioli e tortellini, squisiti cotti sulla brace
o nella tipica zuppa di castagne.



Il miele delle Marche
Le colline marchigiane, intensamente coltivate con leguminose foraggiere,da sempre forniscono alle api grandi quantità di nettare. La qualità del
miele marchigiano è particolarmente legata ad un’erba infestante, la stachiso erba della Madonna, che conferisce al prodotto un colore chiaro edun sapore dolce, poco aromatico. Particolarmente pregiati sono i miellefiori
delle Marche, dalla personalità sorprendente e variegata, il miele di melataricavato da melate di quercia, i mieli di acacia e girasole. Da abbinare,
tiepidi, al formaggio di fossa.



Il tartufo nero pregiato tartufo nero pregiato, che il musicista e compositore marchigiano Gioacchino
Rossini si faceva inviare in Francia durante la sua permanenza oltralpe,si raccoglie tra dicembre e febbraio nelle zone umide e boscose diAcqualagna, nel pesarese, Acquasanta Terme, Roccafliuvione, Comunanzae Montefortino nell’ascolano, Camerino e Visso nel maceratese. Sprigiona tutto il suo aroma in cottura e solo raramente si consuma crudo.




Foto di Massimo Palmieri

Mela rosa dei Sibillini
Varietà tradizionale dei monti Sibillini, è una mela antica, della quale si rinvengono
notizie storiche che risalgono all’epoca romana. Piccola ed asimmetricapresenta una polpa rosacea, particolarmente delicata al palato.

Ricetta : lo spezzatino di roveia

Un legume antico, la roveia, oggi prodotta in modeste quantità e spesso ad uso familiare ma un tempo piatto quotidiano per le famiglie che popolavano i villaggi dei Monti Sibillini, sua zona d’origine. Detta anche corbello o rubiglio, la roveia o “Pisum arvense” viene coltivata esclusivamente a Castelluccio di Norcia, dove si semina a marzo e si raccoglie tra la finedi luglio e l’inizio di agosto, proprio come le lenticchie. E’ simile al pisello anche se il suo seme è un po’ più piccolo e di colore verde scuro. Uno deimodi per riscoprire e tornare a gustare questo particolare legume è quello
di cucinarlo con lo spezzatino e di servirlo come secondo piatto, accompagnatoda verdure. Per quattro persone sono sufficienti 300 grammi di roveia che andranno tenuti a bagno per almeno 12 ore. Poi si lessano in
abbondante acqua salata per circa 45 minuti. A questo punto, la roveia èpronta per essere passata in pentola insieme a 500 grammi di spezzatinodi vitello da soffriggere in olio, sedano, cipolla e carota, e sfumare con un
bicchiere di vino bianco. Per mantenere la carne morbida, si copre con lapassata di pomodoro allungata con acqua, si aggiungono sale e pepe e silascia cuocere fino a cottura ultimata.


mercoledì 25 giugno 2014

Il Merano winefestival

Una vetrina mondiale per le eccellenze enogastronomiche della regione
Marche
Enogastronomia e agroalimentare rappresentano uno dei settori trainanti dell’economia nazionale, se è vero, come è vero, che nel 2013 l’export del solo vino ha superato i 5 miliardi di euro: dato rappresentato con soddisfazione dal presidente della Commissione Europea per l’Agricoltura, Paolo De Castro, presente a Merano per il Festival annuale (8-11 novembre 2013) dedicato al vino e alle eccellenze della gastronomia e della culinaria.
A Merano, presenti 25 aziende marchigiane, molte delle quali della Provinci di Fermo, che hanno proposto le proprie eccellenze in un vetrina internazionale. “Giusto essere a Merano, giusto aver rischiato in proprio, supportati dal sistema camerale e dell’Azienda Speciale Fermo Promuove della Camera di Commercio di Fermo; giusto aver provato a ragionare sul futuro del vino e del gourmet in una vetrina di valenza quale il Wine Festival”, hanno commentato diversi produttori di eccellenze locali quali le Olive Ascolane, i Maccheroncini di Campofilone, i formaggi e salumi delle aziende dell’entroterra, il “Vì Cotto” e il famosissimo “diamante dei Sibillini”, quel tartufo bianco riconosciuto tra i più pregiati in Italia. “Se sei a Merano, sei tra i vip, in una vetrina che fa la differenza, utile per i contatti, per gli incontri, per i B2B, che aprono nuove porte per le aziende che ancora non hanno investito all’estero”, ha affermato Katia Gabrielli, enologa della cantina Velenosi. Appuntamento durante il quale, il Fermano si è messo in mostra nel corso di una serata per ospiti italiani e stranieri, tra i quali< giovani blogger che hanno contribuito a diffondere nel mondo il menu del gala preparato, esclusivamente con eccellenze del territorio, dalla brigata di cucina guidata da Alessandro Pazzaglia, chef professionista tra i più apprezzati della regione Marche e non solo.
Il Reggio del Filare 2008: il vino più premiati della cantina Velenasi

martedì 24 giugno 2014

Enogastronomia: cosa dovrebebro fare le istituzioni per la valorizzazione delle eccellenze fermano-marchigiane

L’intensificazione e la pianificazione dei rapporti in campi di vitale importanza per l’economia, il sociale e la politica culturale quali il commercio, l’alimentazione, il turismo, le comunicazioni sono ormai realtà conclamate che le Istituzioni locali non possono più disconoscere se vogliono favorire la crescita dei rispettivi territori. Pertanto, con l’obiettivo di consolidare il brand “Fermano” e implementare la conoscenza diretta tra giornalisti-degustatori e produttori, attraverso la quale favorire l’esportazione dell’immagine di un territorio unico nel suo genere, Provincia, Comuni, Camera di Commercio dovranno sedersi attorno allo stesso tavolo per pensare ed attuare un progetto di ospitalità basato sullo scambio di informazioni tra opinion leaders, autori, bloggers, buyers internazionali e tour operator italiani e stranieri. Progetto in grado, anche con l’intervento diretto dei privati (strutture turistiche all’aria aperta, hotel-ristoranti, agriturismi, resort, b&b), di creare attenzione intorno alle tradizioni enogastronomiche che negli ultimi anni hanno modificato le scelte turistiche degli italiani e si confermano tra i principali fattori di attrazione per gli stranieri. Il turismo enogastronomico è diventato un modo di viaggiare sempre più diffuso che vede appassionati alla ricerca di sapori e tradizioni autentiche. Progetto possibile dall’incontro tra più attori interessati al vino, alla gastronomia e al turismo e, quindi, ad una alimentazione sana, a “chilometri zero”, capace anche di favorire scambi commerciali e culturali. Insomma solo attraverso l’unione tra arte, cultura e gusto si potrà rendere il Fermano più competitivo sul mercato turistico nazionale ed internazionale. In questa direzione le Istituzioni locali devono fare molto di più per valorizzare un territorio, il Fermano e la Regione Marche, per molti ancora tutto da scoprire.

 Articolo di Mauro Nucci





DOP e IGP

Cos’è una DOP
Denominazione di Origine Protetta (DOP) designa un prodotto agricolo
o alimentare, le cui qualità e caratteristiche sono dovute all’ambiente
geografico, comprensivo dei fattori naturali e umani e la cui produzione,
trasformazione ed elaborazione avvengono nell’area geografica delimitata.
L’intero ciclo produttivo deve essere svolto all’interno della stessa zona e
non è riproducibile al suo esterno.





Cos’è una IGP
Indicazione Geografica Protetta (IGP) designa un prodotto agricolo o
alimentare, le cui qualità e caratteristiche sono attribuite all’origine geografica
e la cui produzione e/o trasformazione e/o elaborazione avviene
nell’area geografica determinata. La IGP non richiede necessariamente la
produzione in loco della materia prima, purché questa consenta di ottenere
un prodotto corrispondente ai requisiti imposti dal rigido disciplinare di
produzione.



lunedì 23 giugno 2014

Chitarra all'uovo Antica Pasta ai calamari


Ingredienti


  • 250g chitarra all'uovo Antica Pasta
  • 300g di calamari
  • un bicchiere di vino bianco
  • 1 spiccio d'aglio
  • olio extravergine d'oliva
  • 1 peperoncino secco 
  •  sale q.b.



    La chitarra all'uovo Antica Pasta ai calamari è una ricetta tipica della dieta mediterranea
    I calamari vivono nel Mediterraneo e nel Oceano Atlantico e si adattano a numerose ricette
    Gli ingredienti per preparare la chitarra con i calamari sono calamari, vino bianco, aglio e peperoncino
    Lavare e pulire i calamari . In una padella irrorata d'olio far soffriggere l'aglio tritato, il peperoncino sbriciolato . Quando l'aglio si è dorato aggiungere i calamari. Cuocere per 5 minute e spruzzare con il vino bianco; cuocere per altri 5 minuti in modo che il vino evapori. Salare e aggiungere il prezzemolo tritato.
    In abbondante acqua salata cuocere la chitarra all'uovo Antica Pasta per 8-10 minuti, scolarle e condire con il condimento. Servire





Sulle strade del IGP

Un viaggio insolito tra i prodotti DOP e IGP marchigiani che parte da Ascoli
Piceno, risale attraverso le bellezze dei Monti Sibillini per arrivare al confine
con l’Emilia Romagna.




Il nostro itinerario parte da Ascoli Piceno, capoluogo di Provincia, il cui centro storico, costituito quasi interamente in travertino, è tra i più ammirati nella regione per la sua ricchezza storica, artistica ed architettonica. La città conserva diverse torri gentilizie e campanarie - tanto da essersi meritata l’appellativo di Città delle cento torri – e vanta, unica nel suo genere, la rinascimentale Piazza del Popolo, ritenuta una delle più belle piazze d’Italia. È impossibile una tappa da queste parti senza assaggiare lo squisito Ciauscolo IGP, un salame morbido fino a poter essere spalmato, prodotto della lavorazione del suino e costituito dall’impasto di vari tagli sapientemente conditi ed aromatizzati con sale, pepe nero macinato, vino ed aglio pestato. Le origini del Ciauscolo affondano nella tradizione contadina marchigiana, in cui tutti i prodotti derivanti dalla macellazione del maiale costituivano una riserva di proteine indispensabili per affrontare il lungo inverno ed il duro lavoro nei campi. Viene prodotto in particolare nel territorio maceratese, fermano e ascolano, soprattutto nella zona dell’Appennino.
Da Ascoli ci spostiamo verso Fermo, più precisamente nel piccolo borgo di Campofilone, dove sono nati gli omonimi Maccheroncini che hanno recentemente ottenuto l’Indicazione Geografica Protetta (Igp) come pasta all’uovo sottile, tagliata finemente e caratterizzata da un brevissimo tempo di cottura. (Gazzetta Ufficiale Europea serie L n. 302/16 del 13 novembre 2013.) I Maccheroncini di Campofilone sono la prima pasta all’uovo italiana ad ottenere questo riconoscimento e la seconda pasta dopo Gragnano.
Campofilone dedica ai suoi rinomati Maccheroncini ed al loro sugo tradizionale una sagra nazionale tra le più antiche d’Italia, in grado di richiamare ogni anno nel mese di agosto circa 15.000 visitatori nei 4 giorni di durata.



L

 La lenticchia di Castelluccio IGP, dalla caratteristica forma tondeggiante e appiattita e buccia sottile

Dalla provincia di Fermo ci spostiamo in quella di Macerata, salendo verso i Monti Sibillini, perla marchigiana dell’Appennino Centrale. Qui viene allevato il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP, una tipologia di carne prodotta da bovini, maschi e femmine, di pura razza Chianina, Marchigiana e Romagnola, di età compresa tra i 12 e i 24 mesi. Gli allevamenti sono tutti montani, caratterizzati dalla presenza di pochi capi per allevamento, con alimentazione al pascolo o all’interno della stalla a seconda della stagione. I vitelli sono alimentati con foraggi freschi o conservati provenienti da prati naturali e coltivazioni erbacee tipiche della zona geografica indicata. Tutti gli allevamenti sono circondati dalle cime dei Sibillini, uno scrigno di natura, tradizioni e leggende che si erge nel cuore dell’Italia fino a raggiungere, con il M. Vettore, i 2.476 m. E’ qui, nel regno della mitica Sibilla che nel 1993 è nato il Parco Nazionale Monti Sibillini (oltre 70.000 socio-economico sostenibile e favorire la fruizione ad ogni categoria persone sì da creare un “Parco per tutti”. Lupo, aquila reale, falco pellegrino e numerose specie endemiche sono i segni più evidenti di una diversità e di una ricchezza biologica che, unitamente al fascino delle abbazie e dei centri storici medioevali, disseminati a guisa di corona alle falde del gruppo montuoso, hanno contribuito a determinare un mondo antico e suggestivo dove il tempo sembra, ancora oggi, essersi fermato per rendere omaggio a una realtà di così straordinaria bellezza.
Sempre all’interno del Parco dei Sibillini troviamo la Lenticchia di Castelluccio IGP, prodotta esclusivamente nell’altopiano di Castelluccio a 1452 metri sul livello del mare, tra i comuni di Norcia (Pg) e Castelsantangelo sul Nera (Mc). Chiamata “Lenta” dagli abitanti di Castelluccio, è il prodotto rappresentativo per eccellenza del paese. Il suo uso è antichissimo, come dimostrato dal ritrovamento di semi in tombe neolitiche datate 3000 a. C.
Pianta annuale, fiorisce tra maggio ed agosto. Il suo inconfondibile sapore, le dimensioni particolarmente piccole e la coltivazione esclusivamente biologica ne fanno un prodotto.




La Casciotta d' Urbino a pasta semicotta

Dai Monti Sibillini ci spostiamo verso nord per arrivare nella provincia di Pesaro-Urbino a Carpegna, adagiata sulla costa dell’omonimo Monte e immersa nel verde dei suoi faggeti, terra di produzione del prosciutto di Carpegna DOP. Un prosciutto al taglio di colore rosa salmonato, con profumo delicato e penetrante di carne stagionata, gusto caratteristico dolce, quasi fragrante. Due le tipologie prodotte, il San Leo e la Ghianda. Da Carpegna raggiungiamo la città di Urbino nel Montefeltro dove viene prodotta la Casciotta d’Urbino DOP, formaggio di latte crudo ovino e vaccino dalla crosta sottile giallo paglierino, con pasta compatta di colore bianco, molto friabile e con lieve occhiatura. La maturazione avviene entro 15 – 20 giorni in ambienti freschi. Ne esiste anche una varietà stagionata in botti tra foraggio secco e foglie di castagno, ricca di aromi erbacei unici. Che dire di Urbino, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, vertice dell’arte e dell’architettura del Rinascimento? La città si è così armoniosamente adattata al suo ambiente fisico e al suo passato medievale da diventare del tutto eccezionale.
Completiamo il nostro itinerario a Cartoceto, comune di 8000 anime situato nella bassa valle del Metauro, a ridosso delle colline che circondano la vallata. Qui si produce l’Olio di Cartoceto DOP detto anche l’oro delle Marche; è l’unico extravergine con marchio DOP di tutta la regione e viene prodotto, oltre che a Cartoceto, in pochi altri paesi vicini (Saltara, Serrungarina, Mombaroccio e la collina di Fano). Le olive sono raccolte rigorosamente a mano o attraverso la pettinatura meccanica, mentre è bandita la bacchiatura, ovvero lo scuotimento dei rami con bastoni, tecnica che può danneggiare la struttura dell’oliva. A Cartoceto si tiene ogni anno la “Mostra Mercato dell’Olio DOP” che celebra, nelle prime due domeniche di novembre, il rinomato olio. Sono d’obbligo una visita al caratteristico centro storico e una sosta nei frantoi e nelle cantine del territorio, per l’occasione aperti ai visitatori. Qui è possibile degustare l’olio accompagnato da tante prelibatezze locali, da assaggiare anche nelle vecchie osterie del paese.





venerdì 20 giugno 2014

La birra artigiana marchigiana

Oltre sessanta etichette provenienti da ogni angolo della regione. Questo è lo spaccato della realtà birricola marchigiana che vede sul territorio anche un maltificio consortile (COBI) ad Ancona ed il Consorzio “Le Marche di birra”, costituito nel 2012 per riunire in un’identità unica tutti i birrifici marchigiani e contribuire in modo innovativo all 'economia locale ed alla diffusione di un prodotto di qualità, sano e legato al territorio d’origine. La produzione di birra artigianale avviene omogeneamente sul territorio marchigiano: cinque birrifici in provincia di Pesaro Urbino, tre in provincia di Ancona, quattro in provincia di Macerata, due in quella di Fermo e tre in provincia di Ascoli Piceno. La birra artigianale viene prodotta con ingredienti naturali, principalmente con il malto d’orzo e/o con il malto di frumento (in alcuni casi anche con altri cereali maltati), elementi base ai quali vengono aggiunti luppolo,lievito ed acqua. E’ un prodotto non pastorizzato - cioè non subisce il processo che “sterilizza” il prodotto ai fini della lunga conservazione - e non filtrato mantiene quindi tutte le componenti che contribuiscono a formare il profilo organolettico, così ricco di aromi e sapori. Non contiene conservanti e/o additivi chimici e la sua produzione è solitamente limitata.



Apecchio Città della Birra
Prendi un paesino di duemila abitanti nell’entroterra marchigiano, dove sgorga acqua purissima direttamente dal Monte Nerone e il clima favorisce la produzione di orzo di qualità.
Aggiungi due birrifici artigianali di alto livello, in grado di combinare gli elementi e trasformarli in una vera e propria eccellenza. Il risultato è “Apecchi> Città della Birra”, un piccolo paese della provincia di Pesaro e Urbino eletto a capitale internazionale della birra artigianale.
Un progetto innovativo e ambizioso realizzato da un gruppo di cittadin apecchiesi in collaborazione l’amministrazione comunale e i due super blasonati birrifici locali: Tenute Collesi e Amarcord, coordinati dalla neo nata associazione “Apecchio Città della Birra”. Ed ecco nascere l’alo-gastronomia, “l’arte che comprende l’insieme delle regole che determinano la produzione e l’assunzione, da parte dell’individuo, della birra” e di contorno convegni, mostre, manifestazioni, seminari e dimostrazioni nelle scuole, fino ad arrivare al primo festival nazionale interamente dedicato alla filiera della birra artigianale e alle sue potenzialità nei settori del turismo e dell’economia.

fonte immagini: Apecchio Città della  Birra




giovedì 19 giugno 2014

MACCHERONCINI DI CAMPOFILONE PRODOTTO TIPICO TRADIZIONALE E IGP

I Maccheroncini di Campofione sono una pasta lunga, caratterizzata dalla
sfoglia e dal taglio sottili (lunghezza da 35 a 60 cm, larghezza da 0,8 a
1,2 mm, spessore da 0,3 a 0,7 mm). Sono ottenuti dall’impasto di uova
fresche e semola di grano duro o farina di grano tenero doppio zero, senza
aggiunta di acqua. Nel 1998 la Regione Marche riconosce gli autentici
maccheroncini di Campofilone come prodotto tipico-regionale (D.L.
173/98 art. 8 comma 1 e 2; Decreto del Ministero delle politiche agricole
e forestali n. 350/99) consentendone la produzione soltanto nel comune di
Campofilone, sulla base di un rigido disciplinare che si rifà all’antica ricetta
tradizionale del 1400 circa. Nel 2008 tutti i produttori di maccheroncini di
Campofilone si sono uniti in associazione per tutelare, promuovere e valorizzare
il prodotto ed il suo territorio d’origine e per ottenere la registrazione
dell’Indicazione Geografica Protetta, risultato raggiunto nel 2013. Così
la ricetta originale, insieme al saper fare si sono tramandate di generazione
in generazione per circa 600 anni, diventando patrimonio storico, culturale,
gastronomico e sociale del paese. Numerosi sono i premi ed i riconoscimenti
di prestigio nazionale ed internazionale ottenuti da tutti i pastai di
Campofilone, a conferma del forte legame tra il borgo e la sua specialità
culinaria, che ha determinato la nascita di un distretto produttivo con
risorse umane altamente specializzate.
Foto di Patrizia Leoni

Marcozzi, la tradizione di Campofilone

L’azienda Marcozzi nasce negli anni novanta dall’idea imprenditoriale
dei giovani fratelli Gabriele, Barbara e Attilio, che decidono di tradurre in
impresa la lunga tradizione pastaia di Campofilone, loro borgo d’origine
nonchè di famiglia, quando nonna Adelina prima e mamma Luisa poi impastavano,
tagliavano e stendevano al sole i maccheroncini.


Oggi l’azienda Marcozzi si profila quale connubio perfetto tra le più genuine
ed autentiche tradizioni artigianali ed il rigore degli standard qualitativi
di un’azienda dinamica e moderna, orientata al mercato ed alla soddisfazione
del cliente.
Oltre ai caratteristici Maccheroncini di Campofilone - che, dopo aver ottenuto
nel 1998 dalla Regione Marche la denominazione di prodotto tipico-
tradizionale, oggi possono fregiarsi del riconoscimento di IGP Indicazione
Geografica Protetta - la Marcozzi commercializza in tutto il mondo 40
tipi di formati sia tradizionali che innovativi, con cinque marchi differenti:
Marcozzi di Campofilone destinato alle enoteche ed ai negozi specializzati;
Antica Pasta e Cucina Tesei per la grande distribuzione ed il dettaglio
tradizionale; Vivien Pro Salus e Specialità al farro destinate a erboristerie.




 Foto di Patrizia Leoni


A questi si è aggiunta recentemente la Linea Biologica.
La qualità sotto tutti i punti di vista è uno degli elementi fondanti della mission
aziendale e permea ogni singola fase della produzione.
La selezione delle materie prime è rigorosa ed accurata, nel pieno rispetto
della tradizione, con uova che provengono da allevamenti non intensivi;
l’impasto, privo di acqua e sale, viene realizzato tenendo presente il limite
tecnico di assorbimento della semola, per rispettare uno dei principi per
cui la pasta all’uovo è nata intorno al 1400, cioè conservare le uova, e
viene mantenuto morbido per almeno 30 minuti.

 La trafilatura al bronzo a temperatura costante permette di non alterare
le componenti proteiche e aminoacidi della pasta, caratterizzata da una
sfogliatura sottilissima e non omogenea.
L’elemento artigianale trova la sua massima espressione nella formazione
del caratteristico foglietto, operazione affidata esclusivamente a personale
qualificato e che consiste nel disporre i fili di pasta su fogli di carta alimentare,
piegati a mano ai quattro lati per evitare la fuoriuscita del prodotto, e
riposti su appositi telai per essere poi sottoposti alla fase di essiccazione.
Prima di essere immesso sul mercato ogni singolo lotto di produzione
viene sottoposto a rigorosi controlli ed analisi, volte a determinarne le caratteristiche
chimico-fisiche, organolettiche e nutrizionali, nel pieno rispetto
delle norme igienico-sanitarie secondo il piano di controllo HACCP. Questo
ha consentito l’ottenimento delle certificazioni volontarie in base alle norme
Uni En Iso 9001:2008: Brc, Ifs, Certificazione Biologica e la registrazione
negli Stati Uniti alla FDA (Food and Drugs Administration).
Un percorso rigoroso che assicura al consumatore un prodotto fatto come
una volta ma dagli standard qualitativi elevati e costanti, in grado di rievocare
la memoria di un mondo antico, in cui le uova avevano il sapore delle
giornate di festa. Di un tempo segnato dal lavoro faticoso di mani esperte
e di calore di emozioni in famiglia che nascevano intorno ad una tavola.
Le emozioni che solo un’azienda che lavora con passione e serietà è in
grado di trasmettere.







mercoledì 18 giugno 2014

Un valore per il territorio



Per il sindaco di Campofilone l’IGP ottenuta dai Maccheroncini è una ricchezza
per tutti
All’indomani dell’ottenimento del marchio IGP da parte dei Maccheroncini
di Campofilone, la nostra redazione ha incontrato Ercole D’Ercoli, sindaco
della cittadina marchigiana luogo d’origine di questa prelibata specialità
gastronomica, cui abbiamo rivolto qualche domanda.


D. Qual è secondo lei il valore per il territorio della IGP recentemente acquisita
e quali potrebbero esserne le ricadute nelle aspettative del Comune
di Campofilone?
R. Il marchio IGP ottenuto dai Maccheroncini di Campofilone costituisce
una conquista straordinaria per il nostro comune e per tutto il territorio.
Riuscire a fissare il disciplinare di un prodotto che affonda le sue radici
nel passato della tradizione significa arricchire il prodotto stesso di un
grande valore aggiunto. Prima di tutto vuol dire poter tutelare e garantire
il consumatore, che ogni volta che sceglie di acquistare e di gustare i
Maccheroncini di Campofilone sa esattamente cosa ha acquistato, dove
sono stati prodotti, come, con che ingredienti e quali sono le loro proprietà
nutritive ed organolettiche. Oggi come domani. Per non parlare della
ricaduta soltanto positiva su tutto il territorio del nostro comune, a partire
dall’ovvio ma oggi non scontato incremento della produzione dei Maccheroncini,
sempre salvaguardandone la qualità, per arrivare all’effetto volano
sul settore del turismo enogastronomico, con nuove ed ulteriori opportunità
di crescita e sviluppo, grazie al fatto di aver legato in modo preciso ed
indissolubile un prodotto al suo territorio d’origine.


D. Quale è stato l’apporto ed il ruolo svolto dal Comune nell’acquisizione
dell’IGP?
R. La normativa relativa all’attribuzione del marchio IGP è molto chiara
in merito ai soggetti che possono chiedere ed ottenere il marchio, e cioè
i produttori. Il nostro ruolo come amministrazione comunale si può riassumere
in un’attività continua e costante di mediazione e di raccordo fra
tutte le aziende produttrici, con la finalità di lavorare insieme per un solo
obiettivo: la valorizzazione di un prodotto gastronomico unico nel suo
genere. Ed è stato per noi motivo di particolare orgoglio il fatto che tutte le
aziende produttrici abbiano deciso di entrare a far parte del Consorzio di
tutela dei Maccheroncini di Campofilone. Per tutti noi il marchio IGP è un
punto di partenza non di arrivo, perché ora ci troviamo di fronte alla vera
sfida, ripartire alla grande con il Consorzio.
D. Quale presenza istituzionale del Comune si prevede per l’attività informativa
e promozionale dentro e fuori il territorio?
R. Una volta raggiunto l’obiettivo primario, cioè l’ottenimento del marchio
IGP, ci stiamo dedicando alla pianificazione di una serie d’interventi su più
fronti. Il piano di comunicazione prevede particolare cura nella ricettività
e nell’organizzazione della prossima Sagra Nazionale del Maccheroncino
di Campofilone, in occasione della quale 2000 abitanti si prepareranno ad
accogliere oltre 30.000 ospiti. Stiamo lavorando anche sulla storicità del
prodotto, per dare vita ad una rievocazione storica ambientata nel passato
in cui ha avuto origine la tradizione del Maccheroncino e a breve dovrebbero
terminare i lavoro di recupero e ristrutturazione di un palazzo storico
nel centro di Campofilone che diverrà la sede del Centro di Documentazione
del Maccheroncino di Campofilone. A completamento, una nutrita
serie di iniziative mirate a far conoscere questa specialità soprattutto in
relaziona alla sua duttilità, attraverso la pubblicazione di un libro di ricette,
la partecipazione a fiere, l’organizzazione di show coking e di un convegno
di livello coinvolgendo le principali testate nazionali di settore. Infine, per
riagganciarci al discorso di ricaduta positiva sul territorio, abbiamo avviato
rapporti di collaborazione con produttori di altre specialità come il formaggio
di fossa, la pera di San Prospero e la vongola dell’Adriatico, per dare
vita a nuovi ed imprevisti abbinamenti gastronomici in grado di valorizzare
nel giusto modo sia i Maccheroncini di Campofilone che gli altri prodotti
coinvolti.



lunedì 16 giugno 2014

Chitarra all'uovo Antica Pasta con salmone e zucchine

Ingredienti:

  •   250 gr di chitarra all'uovo Antica Pasta 
  •   300 gr di salmone fresco
  •   3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  •   1 scalogno
  •   erba cipollina
  •   sale q.b.
  • pepe rosa



 
La chitarra all'uovo Antica Pasta con salmone e zucchine è una ricetta facile e veloce da preparare
La zucchina è originaria dell'America centro- settentrionale ed è diffusa in tutto il mondo.
L'Italia è il maggior produttore in Europa di zucchine.
Per preparare la chitarra all'uovo con con salmone e zucchine gli ingredienti sono salmone, zucchine, scalogno e erba cipollina.
Tagliare a cubetti la polpa del salmone, tagliare le zucchine e tritare lo scalogno.
In una padella irrorata d'olio far soffriggere lo scalogno. Unire allo scalogno le zucchine bagnando con un mestolo d'acqua. Quando le zucchine sono cotte aggiungere i cubetti di salmone e far rosolare per un breve tempo. Salare
In abbondante acqua salata cuocere la chitarra all'uovo Antica Pasta per 8-10 minuti, scolarle al dente e saltarle in padella con il condimento preparato.
Spegnere il fuoco e aggiungere l'erba cipollina tagliata finemente. Impiattare guarnire con il pepe rosa e servire.




giovedì 12 giugno 2014

Fettuccine all'uovo Antica Pasta Mondiale

Ingredienti per 12 persone








 
Tagliare i pomodorini a cubetti e i porri alla julienne. In una padella irrorata d'olio farli soffriggere e poi salare
In abbondante acqua salata cuocere i tre tipi di fettuccine per 2-3 minuti, scolare al dente e unire ai pomodorini e il porro .
Saltare in padella per qualche minuto e guarnire con la mozzarella tagliata a dadini e il trito di rucola.
Impiattare e servire. Buon appetito e forza azzurri



martedì 3 giugno 2014

Tagliatelle all'uovo Antica Pasta allo scoglio

Ingredienti:

  •   250gr di tagliatelle all'uovo Antica Pasta
  •   150 gr di gamberoni
  •   150 gr di polipo
  •   125 gr di vongole
  •   125 gr di cozze
  •   1 bicchiere di vino bianco
  •   olio extra vergine d'oliva q.b
  •   peperoncino q.b.
  •   2 mazzetti di prezzemolo
  •   pepe q.b
  •   100 gr di pomodorini ciliegino
  •   1 spicchio d'aglio
  •   1 cipolla
  •   1 carota 


 
Le tagliatelle all'uovo Antica Pasta sono una ricetta sfiziosa e tipica della dieta mediterranea
Il polpo è un mollusco noto sin dall'antichità per le sue qualità afrodisiache .
Per preparare le tagliatelle all'uovo allo scoglio rossi gli ingredienti sono gamberoni, polipo, cozze,vongole e il pomodoro.
Pulire e lavare bene le cozze, le vongole, il polipo e i gamberoni .
In una padella irrorata d'olio far rosolare l'aglio e il peperoncino. Aggiungere quasi nel medesimo momento i calamari. Evaporare con una metà del vivo bianco aggiungere il pomodoro e po d'acqua.
In altra padella irrorata d'olio mettere l'aglio ed aggiungere cozze e vongole. Mescolare il tutto e far cuocere finchè i frutti di mare non si sono aperti. Quando le cozze e le vongole si sono aperte, toglierle dal fuoco e metterle da parte,filtrando il liquido rilasciato.
Nella medesima padella usata per le cozze aggiungere un altro po' olio il trito di carota e cipolla. Lasciarli imbiondire e aggiungere le code dei gamberoni, mescolare e far evaporare con il vino rimanente e continuare la cottura per 2 – 3 minuti.
  Nella padella dove sono i calamari, versare le cozze, le vongole , il polipo le code di gamberoni e il sugo di carote e cipolle preparate prima
Versare i pomodorini tagliati a metà e privati dei semi. Cuocere il tutto per circa 10 minuti .
In abbondante acqua salata cuocere le tagliatelle all'uovo Antica Pasta per 3-4 minuti, scolarle al dente e unirle con il sugo nella padella. Saltare il tutto a fuoco vivo per 1 minuto circa ed aggiungere il prezzemolo tritato. Impiattare e servire.




mercoledì 28 maggio 2014

Riccioli all'uovo Antica Pasta a modo mio

Il nostro ufficio qualità propone questa ricetta riccioli all'uovo Antica Pasta a modo mio:

  •  250g di riccioli all'uovo Antica Pasta
  •  ½ porro 
  •  1 zucchina
  •  1 salsiccia
  •  2 fettine di pancetta affumicata
  •  100g di ricotta
  •  scaglie di pecorino
  •  olio extravergine d'oliva
  • sale q.b 
  • pepe 



     
    I riccioli a modo mio sono una ricetta facile e veloce da preparare e deliziosa da gustare
    Il porro è usato in cucina sia come ortaggio sia come pianta aromatica. Se usato come ortaggio può sostituire la cipolla ed usato per preparare i primi piatti; se usato come pianta aromatica è usato per preparare i secondi piatti.
    Gli ingredienti per preparare i riccioli all'uovo Antica Pasta a modo mio sono: porro, zucchine, salsiccia, pancetta affumicata, ricotta, pecorino.

      In una larga padella fare rosolare nell’olio extravergine di oliva il porro tagliato a rondelle, aggiungere poi le fettine di pancetta affumicata tagliate a listarelle, la salsiccia sbriciolata e per ultimo la zucchina tagliata a julienne, lasciare cuocere qualche minuto. In abbondante acqua salata cuocere.
    In abbondante acqua salata per 10-12 minuti,scolarla e versarla nella padella, unire la ricotta amalgamare bene, completare con scaglie di pecorino e servire. 





lunedì 26 maggio 2014

Fettuccine all'uovo Antica Pasta aromatizzate all'ortica con burro e salvia


Ingredienti




 
Le fettuccine all'uovo Antica Pasta aromatizzate all'ortica con burro e salvia sono una ricetta facile e veloce da preparare .
Gli ingredienti per preparare le fettuccine all'uovo aromatizzate all'ortica Antica Pasta sono burro, salvia e parmigiano.
Il nome salvia deriva dal latino dal latino “salveo” o “salvatrix”che significa che salva per le sue numerose proprietà curative. Infatti i Romani gli attribuivano proprietà curative

In una padella capiente far sciogliere il burro, e nel frattempo tritare la salvia . Mettere la salvia nella padella insieme al burro; mescolare e spegnere il fuoco passati 5 minuti
In abbondante acqua salata cuocere le fettuccine all'uovo aromatizzate all'ortica per 2-3 minuti
Scolare la pasta e unirla nella padella con il burro saltare in padella per circa 1-2 minuti servire con una spolverata di parmigiano.



mercoledì 21 maggio 2014

Maccheroncini di Campofilone IGP con l'astice

Una nostra fan di Facebook ci ha donato questa ricetta maccheroncini di Campofilone IGP Antica Pasta con l'astice. Questi sono gli ingredienti:




 

I maccheroncini di Campofilone all'astice sono una ricetta raffinata e della dieta mediterraneo
L'astice è una aragosta che si pesca sia nel Mediterraneo e nel Oceano Atlantico.
L'astice è pescato con le reti a strascico o usando come i molluschi.
Per preparare i maccheroncini di Campofilone IGP con l'astice gli ingredienti principali sono: astice, pomodorini pachino e vino bianco.
Lavare gli astici con acqua bollente e pulirli. In una padella irrorata d'olio far imbiondire l'aglio, aggiungere il pepe e rosolare gli astici. Nel frattempo aggiungere il vino e farlo evaporare.
Togliere gli astici e lasciarli in caldo. Aggiungere i pomodorini e un po' di prezzemolo e cuocere per circa 15 minuti.
Nella padella con i pomodorini mettere gli astici e lasciarli mantecare .
In abbondante acqua saltata cuocere i maccheroncini di Campofilone IGP 1-2 minuti scolare e condire con l'astice e pomodorini. Impiattare e servire .





martedì 20 maggio 2014

Pappardelle all'uovo al ragù bianco

 
Ingredienti:

  • 250 g di pappardelle all'uovo Antica Pasta
  •  250g di carne di manzo tritata
  • 150 g di salsiccia fresca
  • 100 g di pancetta
  • 2 coste di sedano
  •  1 carota grande
  •  1 cipollotto
  • 2 spicchi di aglio 
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 600 ml di brodo vegetale
  • alloro
  • rosmarino
  • basilico
  •  sale 
  • pepe
  • olio extra vergine
  • formaggio grattugiato



     
    Le pappardelle all'uovo Antica pasta sono una ricetta molto saporita ed è un mix di carne ed erbette aromatiche
    La carne di manzo è molto saporita ed è indicata a chi necessita di ferro.
    Gli ingredienti per preparare le pappardelle all'uovo Antica Pasta al ragù bianco sono carne di manzo tritata, salsiccia fresca, pancetta, brodo di carne, sedano, cipollotto e carota
    Tagliare a pezzettini le verdure, ma anche la salvia e il rosmarino. In una padella irrorata d'olio e imbiondire l'aglio insieme al cipollotto, alla carota e al sedano tritati; unire la salvia e il rosmarino.
    Aggiungere la carne tritata, la salsiccia, la pancetta, far rosolare il tutto con fuoco allegro. Versare nella padella il vino bianco e sfumare. Aggiungere qualche mestolo di brodo vegetale, il pepe; coprire la padella con il coperchio e cuocere per circa un ora; mescolare di tanto in tanto e aggiungere qualche cucchiaio di brodo di tanto in tanto.
    Passato il tempo necessario, aggiungere il basilico tagliato, mescolare e spegnere il fuoco
    In abbondante acqua salata cuocere le pappardelle all'uovo Antica Pasta per 6-8 minuti, scolarle e condirle con il ragù bianco, aggiungere il parmigiano grattugiato impiattare e servire.













martedì 13 maggio 2014

Maccheroncini di Campofilone IGP con vongole, cozze, scampetti e pomodorini

Ingredienti:



 
I maccheroncini di Campofilone IGP con vongole e cozze sono una ricetta sfiziosa e gustosa tipica della dieta mediterranea.
Gli ingredienti per preparare i maccheroncini di Campofilone IGP alle cozze vongole e scampi sono scampi, vongole, cozze , pomodorini e fumetto di pesce .
Le cozze sono un mollusco bivalve che vive nel mar Mediterraneo e nel Mar Adriatico tanto che a Pedaso, località nelle Marche, nel mese di agosto si tiene la famosa sagra delle cozze.
Pulire le cozze e le vongole. Lavare gli scampi.
Porre le vongole in un tegame a fiamma piuttosto vivace e ripetere il medesimo procedimento per le cozze.
In una padella irrorata d'olio far soffriggere gli scampi e farli rosolare lungo la superficie.
Una volta rosati spegnere il fuoco e tenerli al caldo.
Lavare i pomodorini e tagliarli a metà.
In un' altra padella piuttosto grande irrorata d'olio far rosolare due spicchi d'aglio, aggiungere i pomodorini e lasciarli ammorbidire.
Aggiungere ai pomodori il liquido di cottura delle vongole e delle cozze filtrato con un colino a maglie fine.
In abbondante acqua saluta cuocere i maccheroncini di Campofilone IGP Antica Pasta per 1-2 minuti.
Scolarli e metterli nella padella con i pomodorini, far saltare l'insieme e aggiungere qualche mestolo di fumetto di pesce. Aggiungere al composto gli scampi le vongole e le cozze preparate precedentemente. Salare e pepare. Servire